Essere Genuini a Zero kilometri, spesa buona e locale

In 3 righe

Chiara, digital pr, food blogger e social media strategist che da marketing manager in importanti aziende del territorio, ha deciso di conciliare la vita di mamma a quella di lavoratrice, investendo in un personale sogno nel cassetto, quello di rendere il buon cibo facile da reperire per chi lavora tutto il giorno fuori casa e non ha tempo per andare ai mercati.

 

FI so  Genuino Zero, un modo di fare la spesa diverso?

Si, un modo che rende attuale e digitale il vecchio acquisto di prossimità: aiutiamo i piccoli produttori e le botteghe a diventare digitali e rispondere ad una nuova richiesta, quella di coloro che per mancanza di tempo non vogliono rinunciare ad una spesa buona e locale.

FI so  Come trovate e vi assicurate che i prodotti siano genuini?


Le regole per accettare i produttori sono: che siano locali (massimo 50/60km di distanza da Firenze), che provengano da piccole aziende agricole a conduzione familiare (non allevamenti/produzioni intensive), che operino in modo artigianale e non industriale, che siano Bio o, in mancanza di certificazione, che dimostrino di operare in modo del tutto naturale (visitiamo le aziende e valutiamo come operano). Infine, valutiamo la bontà dei prodotti.

FI so  C’è molta ricerca del biologico. I vostri prodotti sono bio o non bio? E perché?

Si, il Bio, per fortuna, sta diventando sempre più ricercato come garanzia di puliziadei prodotti. Alcune aziende hanno la certificazione o sono in corso di conversione, sono aziende che hanno deciso di investire in questo perché è un iter costoso non solo economicamente ma per il tempo che necessita la sua gestione. Per questo, alcune aziende hanno deciso di non avviare la certificazione, pur operando in modo del tutto pulito e naturale. No ci rendiamo conto delle difficoltà che queste piccole realtà possano avere e per questo se ci danno prova di operare in modo biologico di fatto, le inseriamo comunque. La differenza dei prodotti è molto chiara sul sito, quelli BIO sono bene evidenziati di modo che chi acquista possa valutare chiaramente le differenze.

FI so  In cosa è diverso Genuino zero dalle altre forme di acquisti locali online?


Rispetto ad alcuni concorrenti, noi diamo la possibilità di comporre la spesa in base alle reali esigenze, non con box fissi, ma scegliendo singolarmente i prodotti. Abbiamo una gamma molto ampia che copre tutti i prodotti alimentari compresi i freschi, fino ai detergenti per la casa e la persona e qualche prodotto di artigianato legato alla cucina.
Rispetto ad altri concorrenti, noi diamo un maggiore servizio potendo garantire la consegna della spesa a casa o in ufficio in tutta la città grazie ad alla collaborazione con un trasportatore autorizzato ed a norma.

La differenza fondamentale, è però nel modello di business: per noi le attività di community sono importanti quando la vendita di base. Mentre gli attuali concorrenti vendono e basta, noi stiamo investendo molto in eventi, attività, corsi, incontri, visite, tutte azioni per educaread un consumo critico e creare una comunità di consumatori consapevoli. Per far questo stiamo costruendo una rete di collaborazioni con tante realtà locali che condividono con noi questo progetto.

FI so  Avete idee o progetti per il futuro di Genuino Zero?

Certamente si, siamo in continua evoluzione! Anzitutto a breve amplieremo la mappa delle consegne e dei punti di ritiro andando a coprire anche comuni limitrofi come Sesto e Pontassieve. Poi proseguiremo con gli eventi che in primavera aumenteranno anche con visite alle fattorie, corsi di cucina, presentazioni di libri, partecipazione a fieretante cose per far avvicinare il mondo contadinoa quello cittadino

pagina facebook @Genuino.ZeroFirenze

profilo Istagram @Genuino.Zero

#iosonogenuino #genuinopuntozero

www.genuinopuntozero.it

 

Potrebbe interessarti anche

Contenitori riutilizzabili per il supermercato

Possiamo salvare il mondo…